ott 8, 2020

Rivoluzione nella tariffazione: ora si basa sulla CO2 prodotta

 

Con la Delibera n. 50 del 30/09/2020, il Comune di Terre Roveresche (PU) ha approvato il nuovo Regolamento per la Disciplina della Tassa Rifiuti (TARIP), che verrà applicato a partire dal 1° gennaio 2021, basato per la prima volta sul territorio nazionale sulla produzione di CO2.

Dov’è la novità?

Le utenze, nell’anno 2021, non solo pagheranno una parte rilevante della tassa in modalità puntuale, ma questa sarà determinata sulla base della quantità di CO2 prodotta da ogni utenza. Il calcolo della quota puntuale prevede la contabilizzazione dei conferimenti delle utenze su più tipologie di rifiuto, inizialmente indifferenziato, organico e carta, e, entro pochi mesi anche plastica, vetro ed altri. Una volta ricavate le quantità di ogni tipologia di rifiuto espresse in chilogrammi, a queste si moltiplicano opportuni fattori di emissione che permettono di determinare la corrispondente produzione di CO2 equivalente associata ad ogni utenza.

Il progetto

Il Comune di Terre Roveresche, nell’ottica di attuare una politica di green economy e di tutelare l’ambiente, ha attivato in via sperimentale un sistema di contabilizzazione degli svuotamenti del rifiuto secco residuo, dell’umido e della carta, mediante la distribuzione di mastelli dotati di TAG RFID, che permettono la verifica dei conferimenti effettuati dalle singole utenze.

Nel 2019 il Comune ha deciso l’attivazione sul territorio della metodologia certificata “Carbon WastePrint“ per la determinazione dell’impatto ambientale prodotto da ciascuna utenza all’interno del ciclo della gestione dei rifiuti solidi urbani con applicazione di premialità alle utenze virtuose.

Così nel 2020 è stato possibile approvare il nuovo Regolamento TARIP basato, per la prima volta in Italia, sulla produzione di CO2.

Coinvolgimento della popolazione

Il 100% delle utenze del territorio è stato informato e coinvolto in tutte le fasi del processo in maniera diretta ed interattiva attraverso Junker App.

Per motivare i cittadini, Junker ha lanciato una vera e propria “sfida” a premi, chiedendo alle utenze di effettuare una separazione dei rifiuti particolarmente attenta e di comunicare per tempo la necessità (o meno) di ritiro dei propri rifiuti nel rispetto del calendario delle raccolte, permettendo al gestore di ottimizzare quindi i tempi di raccolta.

Le due utenze più virtuose hanno ricevuto un riconoscimento pubblico, ma soprattutto l’impegno profuso nella sperimentazione ha contribuito a raccogliere una messe di dati che ha validato il modello e ottenuto la sua certificazione.

Si prevede l’ulteriore coinvolgimento della popolazione quando a Gennaio 2021 saranno introdotte in Junker le evolutive che consentiranno a ciascuna utenza di visionare, ad ogni istante, la propria posizione in termini di produzione/risparmio di CO2

I partner

La metodologia di calcolo della CO2 prodotta dalle utenze (denominata Carbon WastePrint e validata da RINA Service ai sensi della norma UNI EN ISO 14064-2:2012) è stata elaborata dall’Ing. Andrea Valentini dello Studio Associato Wastelab e dal Dr. Luca Belfiore della ditta Altraleonia Srl.

Mentre il Consorzio CO.SE.A ha fornito al Comune sia il supporto per la predisposizione del nuovo Regolamento sia il gruppo di esperti della tariffazione puntuale della Fondazione Operate (www.operate.it).

Il ruolo di Junker

Junker ha dato supporto alla sperimentazione tramite la sua app, oggi a disposizione di tutti i cittadini del Comune e che da gennaio permetterà ad ogni utenza di monitorare i propri conferimenti.

I vantaggi

I vantaggi, ambientali ed economici, di questo metodo innovativo sono tantissimi. Per esempio le utenze che svolgono compostaggio domestico, non conferendo organico al sistema rifiuti, vedranno immediati ritorni economici nella propria bolletta, senza che il Comune sia obbligato ad effettuare costosi e complessi controlli.

Tutte le azioni legate al mondo del riuso o contro lo spreco alimentare, troveranno immediata soddisfazione economica nel computo della tariffa.

Le utenze commerciali, che dovessero avere difficoltà economiche a causa di minori attività o chiusure temporanee, vedranno la tassa ridursi a causa dei minori conferimenti. E si potrebbero fare tanti altri esempi…

Inoltre le utenze avranno maggiore consapevolezza di quale azione nella propria gestione dei rifiuti ha permesso di ottenere impatti minori e, quindi, maggiori vantaggi economici, facilitando anche un miglioramento dei propri comportamenti nel tempo.

I risultati

E’ stata certificata, per l’anno 2019, la riduzione di 2.352 tonnellate di CO2 da parte dei cittadini di Terre Roveresche nella gestione dei propri rifiuti, permettendo al Comune di ottenere altrettanti crediti di CO2, per i quali si stanno valutando le attuali condizioni del mercato delle emissioni, con ulteriori ritorni economici per Ente e cittadini.

Ancora, grazie al processo virtuoso attivato dal Comune, nel 2019 il costo del sistema rifiuti si è ridotto di 15.000 Euro; risparmio che il Comune ha già previsto, entro la fine dell’anno, di restituire ai cittadini virtuosi che hanno permesso di raggiungere tale risultato.

Infine si prevede che, grazie all’introduzione di tale regolamento, la CO2 venga sistematicamente abbattuta a vantaggio dell’ambiente ed della bolletta per i singoli utenti.

Per saperne di più: https://www.carbonwasteprint.it/

Scarica da qui il regolamento comunale e il suo allegato

Delibera di C.C. n. 50 del 30.09.2020

Allegato Delibera di C.C. n. 50 del 30.09.2020 – Regolamento TARIP

 

RASSEGNA STAMPA

 

https://www.adnkronos.com

https://www.rinnovabili.it/

Rifiuti, in arrivo la prima bolletta calcolata in base all’impatto sul clima

www.greenme.it/

https://www.verdecologia.it/

https://www.elle.com/ 

https://www.ansa.it/canale_ambiente/

 

 

 

 

 

 
set 11, 2020

I RAEE, questi sconosciuti…di cui sono piene le nostre case!

Sai che hai casa piena di RAEE? Ebbene sì, sono ovunque, forse li indossi persino…RAEE è un acronimo ancora misterioso…

ago 31, 2020

Quando il materiale fa la differenza

Ecco a voi la guida Junker ai cinque materiali più difficili da riconoscere e differenziare… Ci sono prodotti che mettono…

lug 31, 2020

Una scalata che fa la differenza: i 5 oggetti da trekking più difficili da smaltire

Molti di noi amano vivere la montagna nel periodo estivo: lunghe camminate tra boschi sempreverdi e laghi cristallini, aria fresca…